Traccia corrente

Titolo

Artista

Show attuale

Auto MMR

3:00 am 10:00 am

Show attuale

Auto MMR

3:00 am 10:00 am


ARIDOPACHI – ASCOLTA IL BRANO “SE POTESSI”

Scritto da il Maggio 12, 2020

Gli Aridopachi dopo l’uscita del loro EP dal titolo  “Caos Karma” pubblicano il video del brano “Se Potessi” visionabile a questo link:
https://youtu.be/AhfmOPXftPY

Caos Karma contiene cinque tracce più un brano strumentale ed è stato registrato presso i Volians Studios di Valerio Voliani (Diesanera). Un racconto che parte da un viaggio introspettivo attraverso l’animo umano, toccando sia le argomentazioni più scomode che i sentimenti più profondi.

Ascolta l’album su Spotify:

https://open.spotify.com/album/08ZdDzABuvPeBRnTb42TwE?si=C7l_6WElQXe220ZpNHWM6Q

Le tematiche amare di Caos Karma sono a tratti ciniche e contrastano con il fanciullo ingenuo e disincantato che ognuno di noi conserva dentro se stesso.

Gli Aridopachi narrano di amori disillusi, della parte peggiore dell’animo umano, quella che a lungo andare logora ogni rapporto.
L’amore, l’amicizia e persino la famiglia narrate da un io introspettivo e rassegnato, come se nulla potesse in qualche modo cambiare.
Ma ecco che arriva uno spiraglio di speranza, quella parte di purezza insita nel bambino che ognuno porta dentro di se.

Allora poco alla volta riemergono ricordi e sensazioni sopite, quelle in grado di lenire le sofferenze e gli aspetti più spigolosi e taglienti narrati nel disco.

In Caos Karma Gli Aridopachi si muovono su sonorità molto eterogenee con assoli al fulmicotone, bassi profondi e scuri sorretti da ritmiche eclettiche e mai noiose.

Chitarre serrate sottolineate da synth presenti ma mai invasivi ed una voce graffiante e incisiva.

Nei mesi precedenti gli Aridopachi hanno pubblicato anche un altro video dal titolo “Parenti Serpenti” che potete visionare qui: https://youtu.be/VerLOfVBr6M

Caos Karma – TRACK LIST

1 – Bambino
2 – Il sogno
3 – Parenti Serpenti
4 – Se Potessi
5 -Tam Tam
6 – Venezia Night (liberty)”

Gli Aridopachi sono:

Federico Socci – Voce
Alessandro Banti – chitarra e cori
Andy J. Fox – basso e cori
Federico Lombardi – batteria e cori
Stefano Pagnotta – Tastiere e Synth

SEGUI ARIDOPACHI SU:https://www.facebook.com/ARIDOPACHI/

(Margherita Bandini Photographer)

BIOGRAFIA:

Gli Aridopachi, hanno una storia molto lunga: nascono come progetto solista di Federico Lombardi, batterista e fondatore, che nel 2005 si propone al web, attraverso piattaforme quali Youtube con testi in italiano che raccontano di un viaggio introspettivo dell’animo umano con varie contaminazioni di generi che fanno largo uso di synth che richiamano gli ambiti Rock, Blues e Funky.
Nel 2016 la decisione di portare questa musica oltre il web e l’incontro con il chitarrista Alessandro Banti sono stati il primo passo per portare i brani in contesti di musica Live. Dopo poco, grazie al summenzionato si aggiunse alla line up il basso di Andy J “Fox” e la voce Federico Socci, con il quale il Lombardi aveva già avuto occasione di suonare in una formazione che proponeva pezzi Rock anni 70′. L’ultimo componente del gruppo, Stefano “Steno” Pagnotta si è aggiunto al gruppo nel 2017, grazie ad un annuncio pubblicato dal medesimo sulla piattaforma social Facebook in cui era alla ricerca di una formazione che proponesse musica inedita dal Rock a Progressive Metal.
La profondità dei testi, il messaggio che con essi si voleva veicolare, hanno richiesto da parte di tutta la formazione un impegno nel riarrangiamento, volto a modernizzare le sonorità e rendere i brani più accattivanti per un pubblico attuale, continuando a strizzare l’occhio a sonorità e contaminazioni tipiche degli anni ’80-’90 quali: Dark Wave, Sinth wave, Rock e Hard Rock con qualche fugace reminiscenza di sonorità più spinte quali progressive, power metal e Metal Neoclassico di chiara matrice malmsteeniana.
La commistione di cinque menti diverse, con influenze musicali diverse ha portato a creare un sound molto eterogeneo con assoli al fulmicotone, bassi profondi e scuri sorretti da ritmiche eclettiche e mai noiose, synth presenti ma mai invasivi ed una voce graffiante e presente.
Questi sono gli Aridopachi, Questi siamo noi.